Viaggia sicuro
Proteggi il valore
del tuo acquisto.
Inclusa nel prezzo
la garanzia
da danni accidentali
su migliaia di prodotti.
Solo da noi
Garanzia
24 mesi di protezione
da danni accidentali,
riparazione
o sostituzione

in caso di
foratura o danno.
Scopri di più
Pubblicato in Consigli, Pneumatici da , lunedì 28 settembre 2015 0

Acquistare pneumatici usati per la propria auto è tornato di moda in questi anni di crisi. A volte da amici o colleghi ma sempre più spesso da professionisti del pneumatico usato.

Il problema è questo: i pneumatici usati non sono soggetti ad alcun tipo di norme giuridiche, e il processo di raccolta, il controllo delle loro condizioni ed il loro reinserimento nel mercato è tutto demandato a chi li commercia.

Acquistare pneumatici usati è rischioso? Si risparmia veramente?

Ispezione visiva di pneumatici usati

Anche se molto sottovalutati i pneumatici moderni sono in realtà prodotti tecnologicamente complessi ed il loro aspetto esteriore ci può fornire delle informazioni utili per capirne le condizioni.

È ormai noto che i pneumatici invecchiano, soprattutto con l’utilizzo, che li sottopone a sbalzi di calore e li espone alla luce solare, due fattori che contribuiscono a vulcanizzare la gomma naturale di cui sono in parte composti, indurendola e degradando le loro prestazioni.

Escludendo i segnali più evidenti e macroscopici di danni al pneumatico (riparazioni a fronte di foratura, rigonfiamenti, noduli, consumo irregolare, tallone danneggiato) esaminando esternamente un pneumatico usato si dovrebbe concentrare la propria attenzione sui seguenti segnali della sua usura:

  • profondità del battistrada; basta una moneta per controllare lo spessore del battistrada e verificare che il consumo sia marginale. Inserite la moneta in una o più delle scanalature del pneumatico. Non limitatevi alla profondità ma scorrete il palmo della mano sul battistrada per percepire un consumo irregolare, a buccia di arancia, con rigonfiamenti o valli.
  • urti e danneggiamenti laterali; osservare attentamente la superficie del fianco del battistrada per urti, ondulazioni o altre irregolarità che potrebbero indicare un impatto che ha danneggiato la cintura in acciaio interna al pneumatico. Spesso è possibile sentire cambiamenti nella superficie in gomma scorrendo il palmo della mano sulla superficie dei fianchi, attenzione che l’irregolarità potrebbe essere non evidente quando il pneumatico non è gonfio.
  • danni al tallone; l’integrità del tallone del pneumatico, l’anello a diretto contatto con il cerchio, è fondamentale affinché il pneumatico mantenersi gonfio ed in pressione.
  • danni all’interno del pneumatico; osservate attentamente l’interno del pneumatico alla ricerca di schianti nella gomma che potrebbero aver esposto i cavi in acciaio della struttura interna, urti che non hanno provocato danni esterni possono aver compromesso l’interno del pneumatico.
  • identificate il DOT; cercato sul fianco la sigla DOT ed identificate la data di produzione, alcuni venditori scorretti rimuovono la data di produzione attraverso l’abrasione per nasconderne l’età, evitate pneumatici con più di 5 anni di vita.
  • colore della gomma; osservate attentamente il colore della gomma, i pneumatici nuovi sono neri, perché alla mescola della gomma è stato aggiunto nero fumo, con il preciso intento di proteggere la gomma dagli effetti dei raggi solari e dalle radiazioni UV; se il colore tende al grigio chiaro il processo di vulcanizzazione è in uno stato avanzato. Alcuni rivenditori spennellano i pneumatici con agenti chimici per farli sembrare più recenti di quello che sono.
  • screpolature nella gomma; controllate sia le zone laterali che il battistrada alla ricerca di piccole crepe che appaiono in punti di flessione sul fianco o tra i blocchi del battistrada, anche questo è un indice del processo di vulcanizzazione che indurisce la gomma, maggiori sono le screpolature maggiormente avanzato è il processo di vulcanizzazione.
crepe nel pneumaticocrepe nel pneumaticocrepe nel pneumaticocome controllare l'usura dei pneumatici

Il nostro consiglio

Il problema principale nell’acquisto di pneumatici usati è l’identificazione delle condizioni del pneumatico. Anche ad un occhio esperto possono sfuggire i segni di un pneumatico usurato e non più idoneo ad essere utilizzato.

Il nostro consiglio è di evitare pneumatici usati, a meno che non siano di produzione recente (meno di 5 anni), si conosca il venditore e si possa escludere il tentativo di alterare l’aspetto del pneumatico, ed il pneumatico non presenti screpolature o variazioni significative del colore.

Un prestigioso pneumatico Michelin o Continental usato a 30 euro il pezzo, quando da nuovo ne costa 100, può sembrare un buon affare, ma la realtà è che la vulcanizzazione della gomma l’ha probabilmente ridotto in condizioni tali da essere meno efficace e meno sicuro di un pneumatico economico nuovo dal prezzo leggermente superiore.

Partecipa alla discussione

{{newComment.error.msg}}

Commenti

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo ed esprimere il tuo parere!