Torna ad elenco articoli del blog

7 consigli sui pneumatici prima di partire per le vacanze

Pubblicato in Consigli, Pneumatici da , martedì 27 luglio 2021 1

L’estate sta per entrare nel vivo ed è tempo di pensare alle vacanze: ecco dunque 7 consigli sui pneumatici prima di partire per un viaggio con la tua auto.

7 consigli sui pneumatici prima di partire per le vacanze

L’estate è il momento delle vacanze e delle partenze, affinché tutto sia perfetto è necessaria un’organizzazione precisa e che ogni cosa sia a posto, soprattutto se si decide di partire in auto. Per la sicurezza a bordo di un veicolo sono fondamentali le coperture, vediamo dunque 7 consigli che riguardano le gomme forniti dai rivenditori di pneumatici online, per partire in totale tranquillità e poter fare affidamento su una vettura al massimo dell’efficienza.

  • Pressione delle gomme: il primo consiglio riguarda la pressione dei pneumatici, che deve essere controllata all’incirca una volta al mese e in modo particolare prima di partire per un viaggio in auto. Questo perché le gomme sono soggette a perdite di pressione e viaggiare con pneumatici sgonfi può essere piuttosto pericoloso, oltre che più dispendioso dato che aumentano i consumi di carburante e l’usura del battistrada, costringendo così ad un cambio gomme anticipato.
  • Controllo visivo: prima della partenza è sempre bene controllare lo stato esterno dei pneumatici, così da assicurarsi che non vi siano danni o problematiche di altro tipo. Se ad esempio si nota un rigonfiamento sulla spalla oppure sul battistrada, è sconsigliato mettersi in marcia in quanto la gomma potrebbe scoppiare; si deve procedere alla sostituzione del pneumatico per evitare conseguenze ben peggiori.
  • Spessore del battistrada: fra i controlli che precedono un viaggio in automobile vi è anche quello che riguarda lo spessore del battistrada; è infatti necessario assicurarsi che questo sia superiore al limite previsto dalla legge (ovvero 1,6 millimetri), in caso contrario non è possibile circolare sia per questioni di sicurezza, sia perché si può incorrere in sanzioni – pecuniarie ma non solo – nell’eventualità di controlli.
  • Pneumatici giusti: naturalmente bisogna avere a bordo i pneumatici giusti in base al periodo dell’anno, per cui per un viaggio durante la bella stagione le gomme estive sono quelle indicate, poiché realizzate per rispondere al meglio con le alte temperature. In alternativa, è possibile montare pneumatici quattro stagioni, consigliati soprattutto in quelle zone in cui il clima estivo è mite e si verificano con maggior frequenza piogge anche nei mesi più caldi.

Leggi anche: La classifica dei migliori pneumatici estivi 2021

  • Equilibratura: se nei giorni precedenti alla partenza ci si accorge al volante di alcune anomalie, come ad esempio vibrazioni, potrebbe esserci un problema con l’equilibratura dei pneumatici. In questo caso è necessario recarsi in un’officina per un controllo accurato, che può essere effettuato solo da professionisti con gli strumenti adatti, e nell’eventualità di problemi il gommista provvederà a ripristinare l’equilibratura corretta della gomme, consentendo così di partire in totale tranquillità.
  • Usura anomala: se si riscontra un’usura anomala, ovvero un maggior consumo nella parte interna oppure in quella esterna del battistrada, o la macchina tende verso destra o sinistra, potrebbero esserci problemi legati alla convergenza. Anche in questa circostanza, l’unica soluzione è rivolgersi ad un’officina che farà un’analisi approfondita e interverrà a seconda della problematica da risolvere.
  • Pneumatici datati: la partenza per un viaggio in auto potrebbe essere l’occasione migliore per sostituire i pneumatici se questi sono datati. Infatti, pur apparendo perfettamente integre esternamente, le gomme sono soggette a invecchiamento e col passare del tempo perdono efficienza, non riuscendo più a garantire il livello di performance che assicuravano da nuove. Se, dunque, i pneumatici hanno più di 6 o 7 anni, è arrivata l’ora di cambiarli ed è importante farlo al momento giusto, ovvero prima che possano dare problemi. Ecco perché è meglio procedere a questa operazione prima di partire per un viaggio, in modo da evitare conseguenze spiacevoli nella situazione peggiore, vale a dire quando si è lontani da casa.  

E dunque, se avete letto bene i consigli e avete bisogno di sostituire le gomme per godervi le vostre vacanze, potete acquistare direttamente online dei pneumatici nuovi risparmiando tempo e denaro. Come? Semplicemente utilizzando il nostro sistema di prenotazione online (che trovate anche in questa pagina) e indicando le misure dei vostri pneumatici o il modello e l’anno della vostra auto. In pochi semplici passaggi avrete 4 gomme nuove direttamente a casa o dal vostro gommista di fiducia. Infatti, grazie ad una rete di installatori professionali in tutta Italia, con costi certi e garantiti da noi, il montaggio diventa un gioco da ragazzi: spedizione diretta al gommista e installazione su appuntamento deciso da te.

– Chi deve effettuare questi controlli?

Molti automobilisti tendono ad affidarsi al fai da te, ma non è la scelta migliore: per un controllo accurato sullo stato di salute dei pneumatici, il gommista è il punto di riferimento ideale. Qualche giorno prima della partenza, dunque, è consigliato portare la propria vettura presso un’officina per un check-up che riguardi sia le gomme che il resto dell’auto, in maniera da essere certi di salire a bordo di un veicolo nel pieno della sua efficienza. Diversi aspetti dei controlli da effettuare elencati in precedenza possono infatti sfuggire ad un occhio meno attento ed allenato, ma di certo non passeranno inosservati al gommista, che oltre all’esperienza può contare anche sulla strumentazione necessaria.

– Cosa fare in caso di problemi?

Affidando il controllo dei pneumatici ad un’officina, sarà anche più semplice intervenire in caso di problemi e il gommista saprà trovare la soluzione migliore in base all’inconveniente che presentano i pneumatici. Le operazioni che si possono effettuare sono molteplici: ripristino di equilibratura e convergenza corrette oppure della giusta pressione di gonfiaggio, individuazione e riparazione di eventuali micro-forature – laddove sia possibile – che causano un lento sgonfiamento della copertura, oppure sostituzione nel caso in cui il danno non sia riparabile o le gomme sono eccessivamente vecchie o consumate. All’interno di un’officina, poi, sarà possibile eseguire ulteriori controlli ad altre componenti del veicolo, in modo da verificare che tutto sia in ordine e l’auto effettivamente pronta per affrontare un lungo viaggio, riducendo così il rischio che possa presentare dei problemi quando ci si trova lontani da casa e nell’impossibilità di recarsi in un centro specializzato.

– Quali altri controlli sono da effettuare?

Presso un’officina sarà indispensabile far controllare i fari e gli indicatori delle luci sia posteriori che anteriori, per verificare che funzionino correttamente vista la loro importanza soprattutto negli spostamenti serali e notturni. L’altro elemento chiave su cui è necessario un controllo è il parabrezza: basta infatti anche una minima imperfezione o scheggiatura per dar vita in un secondo momento a problemi ben più gravi, che possono portare addirittura al suo cedimento e alla rottura in mille pezzi; un inconveniente da evitare in particolare se ci si trova in vacanza, ecco perché bisogna accertarsi che sia perfettamente integro e privo di segni. Se i tergicristalli sono in buone condizioni, ci si può affidare al fai da te per il controllo, magari provvedendo anche alla loro pulizia accurata durante il lavaggio dell’auto che precede la partenza. Ai controlli esterni si aggiungono poi quelli interni, cruciali affinché il veicolo funzioni adeguatamente e senza problemi.

– Quali sono i controlli interni?

I controlli interni riguardano i vari liquidi che consentono alla vettura di funzionare in maniera efficiente: fra questi troviamo il liquido di raffreddamento, l’olio, il liquido refrigerante (essenziale in estate perché permette l’utilizzo dell’aria condizionata), naturalmente l’acqua per il radiatore e il liquido destinato ai tergicristalli. I livelli devono essere corretti, sia per evitare malfunzionamenti durante il viaggio che guasti ai diversi sistemi che potrebbero rivelarsi molto costosi poi da riparare. In un’officina potrà essere verificato con precisione anche il livello dei liquidi relativi al servosterzo ed alla trasmissione, ed eventualmente ripristinare quello corretto. Bisogna provvedere poi alla sostituzione delle cinghie se queste risultano usurate: un’operazione poco costosa che può prevenire spese ben maggiori! Infine i freni: se noti che gli spazi di frenata sono eccessivi pur montando pneumatici nuovi, il problema è senz’altro riconducibile ai freni: un controllo di un professionista aiuterà a capire come intervenire.

– Devo far controllare anche la ruota di scorta o il ruotino?

Assolutamente sì, perché in caso di foratura o danneggiamento a uno dei quattro pneumatici è essenziale che quello di scorta sia pronto alla massima efficienza per l’utilizzo. Spesso infatti si commette l’errore di non controllare, per dimenticanza o superficialità, questo elemento fondamentale, col rischio poi di trovarsi nel momento del bisogno con un ruotino o una ruota di scorta sgonfi oppure invecchiati dopo anni trascorsi senza alcun intervento di manutenzione nel bagagliaio. Nelle vetture moderne, sia la ruota che il ruotino sono stati sostituiti dal kit di riparazione, che consente di sigillare un’eventuale foratura – purché sia di dimensioni ridotte – ripristinare la corretta pressione e ripartire, tuttavia non rappresenta la soluzione migliore in caso di problemi con i pneumatici.

Auto nuova senza ruotino di scorta. Come mai?

Il ruotino è lo strumento più adatto, poiché sempre funzionale e soprattutto poco costoso, ecco perché qualora la propria vettura fosse sprovvista di tale dispositivo, il consiglio è di acquistare un ruotino di scorta, un elemento economico ma che può rivelarsi estremamente utile nelle situazioni più complesse, così da evitare di restare fermi a bordo strada in attesa dei soccorsi in caso di danni ai pneumatici se la foratura non può essere riparata con il kit.


Partecipa alla discussione

{{newComment.error.msg}}

Commenti

by Santolo Sirica - 14/07/2021 alle 17:33

Articolo molto interessante. Prima di partire provvederò sicuramente a fare queste verifiche alle gomme della mia auto.