Viaggia sicuro
Proteggi il valore
del tuo acquisto.
Inclusa nel prezzo
la garanzia
da danni accidentali
su migliaia di prodotti.
Solo da noi
Garanzia
24 mesi di protezione
da danni accidentali,
riparazione
o sostituzione

in caso di
foratura o danno.
Scopri di più
Torna ad elenco articoli del blog

Unione Europea: ecco i dazi provvisori sui pneumatici cinesi

Pubblicato in Pneumatici da , giovedì 2 agosto 2018 0

Per contrastare la concorrenza cinese – da molti ritenuta sleale – nell’ambito dei pneumatici, l’Unione Europea ha deciso di imporre dazi provvisori sulle gomme provenienti dal paese del Dragone, destinati poi a diventare definitivi in un arco temporale di qualche mese. La Commissione Europea ha stabilito questi dazi provvisori – attraverso il Regolamento Ue 2018/683 redatto dalla commissione dello scorso 4 maggio e pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale – sia per i pneumatici nuovi che per quelli ricostruiti; a seconda dei diversi brand, i dazi potranno variare da un minimo di 52,85 euro a pneumatico sino ad un massimo di 82,17 euro. La decisione sull’introduzione dei dazi definitivi verrà presa nel mese di novembre. La soluzione della Commissione Europea è stata apprezzata dall’Airp – l’associazione italiana che riunisce i ricostruttori di pneumatici – poiché si tratta di un freno posto alla concorrenza cinese, considerata sleale a causa della vendita di prodotti sotto costo.

La disposizione di introdurre i dazi nei primi mesi del 2018 nasce da un’inchiesta avviata nell’agosto del 2017 volta a chiarire il comportamento dei produttori cinesi e ad accertare se le loro pratiche potessero essere accusate di dumping. Tale pratica consiste nel vendere nei mercati al di fuori di quello di origine i propri prodotti a prezzi ribassati, generando così un mercato sleale. Durante l’indagine sono state raccolte prove sufficienti a supporto dell’accusa di dumping, da qui la decisione di introdurre dazi sui pneumatici che vengono importati dalla Cina. Secondo i dati raccolti, le coperture di provenienza cinese subirebbero un ribasso sul prezzo compreso tra il 20% e il 30%, causando quindi un danno in primis ai produttori europei e a tutti coloro che non si avvalgono di pratiche di dumping. Con l’introduzione dei dazi definitivi, poi, l’auspicio è quello di riportare le condizioni in parità, favorendo una concorrenza equa fra i produttori di gomme.

Partecipa alla discussione

{{newComment.error.msg}}

Commenti

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo ed esprimere il tuo parere!