Viaggia sicuro
Proteggi il valore
del tuo acquisto.
Inclusa nel prezzo
la garanzia
da danni accidentali
su migliaia di prodotti.
Solo da noi
Garanzia
24 mesi di protezione
da danni accidentali,
riparazione
o sostituzione

in caso di
foratura o danno.
Scopri di più
Torna ad elenco articoli del blog

Pirelli diventa cinese

Pubblicato in Notizie, Pneumatici Pirelli da , giovedì 2 aprile 2015 0

Il gigante cinese della chimica China National Chemical Corp. (conosciuto come ChemChina) sta definendo gli ultimi particolari di un accordo per rilevare il controllo di Pirelli Spa attraverso una OPA amichevole.

ChemChina è già attiva nella produzione di pneumatici industriali attraverso società controllate.

Pirelli Spa nelle mani di ChemChina

Reuters e Bloomberg danno per certo il passaggio di Pirelli Spa sotto il controllo della società statale cinese ChemChina attraversoè l’acquisto di una quota di maggioranza in Cam Finanziaria SpA (Camfin), la società finanziaria di proprietà di Marco Tronchetti Provera, Intesa Sanpaolo, Unicredit ed il gigante petrolifero russo OAO Rosneft. Camfin è l’attuale proprietario di maggioranza di Pirelli, una struttura di controllo organizzata da Tronchetti Provera nel 2013 dopo mesi di dispute tra gli azionisti.

Nel 2014, le attività di ChemChina hanno raggiunto un fatturato superiore ai 40 miliardi di euro. La stima delle vendite di Pirelli nel 2014 è di 7 miliardi di euro. La nuova società diventerebbe la più grande società di produzione di pneumatici e gomma al mondo, con una stima di 47 miliardi di euro di fatturato.

Citando almeno due fonti vicine alla trattativa, sia Reuters che Bloomberg ritengono la trattativa nella fase finale e si aspettano una chiusura dell’accordo nel weekend. Reuters ha riferito che Camfin si prepara a vendere la sua partecipazione in Pirelli ad un prezzo di 15 euro per azione. Questo valuta Pirelli a circa 7,1 miliardi di Euro. Il piano sembra prevedere l’acquisto della quota di Camfin prima, seguita da una offerta pubblica di acquisto per il resto della Pirelli Spa.

Pirelli ha dichiarato di non aver ricevuto alcuna offerta formale ma ha Camfin ha confermato che la trattativa è in corso.

Per la maggior parte della scorsa settimana si è assistito a molte speculazioni sul futuro di Pirelli SpA, con le voci provenienti da Europa, Asia e Russia che puntano il dito verso potenziali mediazioni con alcuni dei principali produttori mondiali di pneumatici come Yokohama Rubber Co., Hankook Tire Co. e Cina Hangzhou Zhongce Rubber Co.

ChemChina è emerso come il partner asiatico prescelto ieri in tarda serata.

Per quanto riguarda le voci precedenti, un portavoce Hankook ha riferito a Reuters di  “non avere conoscenza di colloqui di buyout con Pirelli”, e Yokohama ha negato categoricamente di essere interessata. Hangzhou Zhongce Rubber Co., il più grande produttore di pneumatici della Cina ed il 12° più grande al mondo, non ha voluto commentare.

Le speculazioni sul futuro di Pirelli sono arrivate parallelamente al calo significativo nell’economia russa, della debolezza del prezzo del petrolio e dal calo del mercato interno, dopo che negli anni scorsi Pirelli aveva investito molto nella partnership con il colosso del petrolio russo Rosnet per conquistare il mercato del paese.

La ristrutturazione dell’anno scorso promosse Rosneft a principale azionista di Pirelli, e aprì la porta ad una ampia distribuzione al dettaglio di pneumatici Pirelli attraverso distributori di benzina controllati da Rosneft.

Su richiesta della Consob, Pirelli ha rilasciato una breve (ma piuttosto criptica affermazione): “Pirelli dichiara che a partire da oggi (20 marzo), non ha ricevuto alcuna comunicazione formale circa il lancio di un obbligo Offerta di Acquisto “.

Secondo il quotidiano il Corriere della Sera, Tronchetti Provera vuole portare a bordo un azionista asiatico che lancierebbe un offerta di buyout del gruppo insieme ad alcuni investitori attuali. Pirelli Spa poi subirebbe il delisting e la sua struttura sarebbe riorganizzata.

Tronchetti Provera rimarrebbe come presidente e amministratore delegato, e nessun altro cambiamento nel top management “è previsto”, riferisce Reuters. Sempre secondo le indiscrezioni di Reuters alcuni “manager Pirelli” sarebbero “in viaggio per Mosca per incontrare i funzionari Rosneft nel tentativo di ottenere l’approvazione per il piano”.

Nel mese di gennaio 2014, Tronchetti Provera ha concesso al quotidiano tedesco Frankfurter Allgemeine Zeitung una lunga intervista, in cui ha detto che intendeva dimettersi come amministratore delegato di Pirelli nel 2016 e vendere il 25,1% del capitale detenuto dalla sua famiglia nella società. I suoi tre figli, ha detto al giornale, “stanno seguendo i propri percorsi” e apparentemente non hanno alcun interesse per il business di famiglia.

Tronchetti Provera ha assunto la leadership di Pirelli nel 1992 a 43 anni; ed ha da poco celebrato il suo 67esimo compleanno.

“Tronchetti è stato anche impegnato in una resa dei conti con la famiglia di industriali genovesi Malacalza ,” secondo TireReview. “Tronchetti aveva originariamente invitato la famiglia Malacalza tra gli investitori di Pirelli, ma in seguito Tronchetti ha avuto l’impressione che stessero cercando di cacciarlo. Nel corso di questa lotta Francesco Gori, responsabile del settore dei pneumatici di Pirelli, ha perso il suo posto. Ora opera come consulente per Malacalza Investimenti, attualmente il secondo più grande azionista di Pirelli, ma apertamente interessati ad ampliare la propria partecipazione “.

Chi è ChemChina

ChemChina LogoFondata nel maggio 2004, ChemChina è controllata da SASAC (la commissione statale cinese per il controllo e la gestione delle proprietà statali). ChemChina è una delle società comprese in Fortune 500, in Cinaè  la più grande azienda chimica del paese, e la 19° più grande società chimica del mondo.

ChemChina controlla 118 imprese, sei divisioni d’oltremare e 24 istituti di ricerca e design in tutto il mondo.

Il gruppo ChemChina è composto da sei divisioni: nuovi materiali chimici, materiali chimici di base, trasformazione del petrolio, prodotti agrochimici, prodotti in gomma, e attrezzature chimiche.

Partecipa alla discussione

{{newComment.error.msg}}

Commenti

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo ed esprimere il tuo parere!