Viaggia sicuro
Proteggi il valore
del tuo acquisto.
Inclusa nel prezzo
la garanzia
da danni accidentali
su migliaia di prodotti.
Solo da noi
Garanzia
24 mesi di protezione
da danni accidentali,
riparazione
o sostituzione

in caso di
foratura o danno.
Scopri di più
Torna ad elenco articoli del blog

Nel 2016 tutte le auto saranno connesse ad internet?

Pubblicato in Pneumatici da , giovedì 23 ottobre 2014 0

In un recente vertice della associazione dei produttori di auto tedeschi, il presidente Matthias Wissmann ha annunciato che nel 2016 ogni cinque auto prodotte quattro saranno connesse ad internet, gli investimenti necessari affinché ciò accada sono molto elevati, ma i ricavi ancora superiori.

Auto connesse ad internet già nel 2016

La previsione di Matthias Wissmann è che entro il 2016 le auto prodotte saranno connesse ad internet ed in grado di comunicare tra loro. Una rivoluzione automobilistica dal costo non indifferente, gli investimenti richiesti sono stimati tra i 16 ed i 18 miliardi di euro (a quantificarlo è Ulrich Eichhorn, amministratore delegato della VDA).

Interconnesse tra loro le auto saranno in grado di sfruttare i servizi Web e di scambiare dati con altre auto (informazioni sulla viabilità, la propria posizione rispetto ad incidenti e rallentamenti del traffico) e ricevere segnalazioni importanti di imminente pericolo. La combinazione tra GPS/geolocalizzazione ed internet è una grande opportunità per rendere il viaggio in auto più sicuro e più confortevole. Auto di googleNel 2014 abbiamo assistito alla corsa tra Google ad Apple ad annunciare la disponibilità dei loro sistemi operativi Android ed iOS integrati nei sistemi di intrattenimento di molti produttori di auto, un mercato lucroso ed interessante che sembra giustificare i grandi investimenti necessari a rendere questa tecnologia ancora più diffusa anche sulle auto di tutti i giorni. Il prossimo passo saranno le auto che si guidano da sole, ma la guida autonoma delle auto è qualcosa di riservato ai prossimi 15 anni secondo Wissmann.

Un business miliardario

Quello che già oggi è concreto è l’incremento del business legato a componenti e servizi per le “auto in rete”: secondo gli analisti della McKinsey, il valore di questo mercato passerà dagli attuali 30 miliardi di euro ad oltre 170 entro il 2020. Tra i servizi di fruizione più immediata, quelli sul traffico in tempo reale, la ricerca delle stazioni di rifornimento e del parcheggio e i contenuti musicali: rendono l’auto una app a quattro ruote e in grado di comunicare con le proprie simili.

Finora, ci sono pochi modelli di auto in grado di combinarsi con lo smartphone e fornire al guidatore informazioni da Internet. L’industria automobilistica tedesca si è posta un obbiettivo per il 2016, dotare l’80 per cento delle nuove vetture prodotte di accesso ad internet. La fusione dei veicoli e di Internet per una “rivoluzione in macchina” ha detto il presidente dell’Associazione dell’industria automobilistica (VDA), Matthias Wissmann ai giornalisti.

L’industria automobilistica è riluttante a investire 16-18 miliardi di euro nei prossimi anni. Attualmente, solo il 20 per cento delle auto nuove ha accesso ad Internet, ma tutte le auto dovrebbero essere in grado di comunicare con altri veicoli e servizi Internet, ha detto l’amministratore delegato di VDA Ulrich Eichhorn. I vantaggi sono evidenti.

Verso le smart-car

Auto che si guidano da soleCon l’avvento delle “smart car” si può dimezzare il numero di incidenti e la congestione del traffico può essere ridotta, afferma la VDA. Inoltre la vettura, con l’aiuto di applicazioni, può essere collegata con i mezzi pubblici, il car-sharing o i Taxi. Le case automobilistiche vogliono convertire più automobilisti ai “servizi in mobilità”. Lavorano insieme ad aziende come Google ed Apple per integrare meglio i sistemi di intrattenimento delle auto con i sistemi operativi mobile dei moderni smartphone.

Google sta anche sviluppando un auto che si guida da sola (a guida robotizzata) ma prima di vedere questo tipo di auto per le strade è probabile che dovremo aspettare alcuni anni. Wissmann ha detto di aspettarsi le prime auto a “guida altamente automatizzata” nel 2020, ma perché la produzione di questo tipo di auto diventi di massa potrebbero volerci 15 anni.

Una piattaforma per  App su ruote

Servizi quali i rapporti sul traffico in tempo reale, suggerimenti locali per il rifornimento e il parcheggio o canali musicali on-line trasformeranno le auto in una piattaforma di nuove applicazione software su ruote.

Giganti del software come Apple e Google offrono alle case automobilistiche soluzioni come Carplay e Android per integrare le funzionalità degli smartphone nel veicolo. Finora, solo pochi modelli sono venduti che l’integrazione di queste soluzioni. In futuro, i veicoli saranno certamente qualcosa di più intelligente, ma quali di queste soluzioni prevarrà è da vedere.

La ricerca di Juniper

Uno studio di Juniper Research prevede che 92 milioni di veicoli disporranno di tecnologia per integrare lo smartphone entro il 2016.

Nuovi protocolli come MirrorLink dal Consorzio Car Connected aiuteranno le case automobilistiche come Mercedes, Toyota e Ford a introdurre la tecnologia che permette allo smartphone di diventare un hub, permettendo allo smartphone ed alle sue app di accedere ai contenuti in tutta la gamma di veicoli che vendono.

“Integrare lo smartphone nelle auto rappresenta un nuovo percorso per Internet e l’infotainment”, dice l’autore del rapporto Anthony Cox. La relazione rileva che l’inibitore principale di questa forma di telematica sarà la limitata crescita del mercato automobilistico nei prossimi cinque anni, in particolare nelle regioni sviluppate.

La integrazione tra auto e smartphone/apps è guidata dalla promessa di aumentare l’efficienza del conducente e di ottimizzare la gestione dei costi.

Iniziative di regolamentazione come il progetto eCall per le chiamate di emergenza in caso di incidenti e la regolamentazione numero 245 del Brasile che disciplina l’adozione di sistemi gps atti a prevenire il furto di veicoli amplificherà l’adozione in alcune regioni geografiche.

Nel settore commerciale Juniper Research osserva un crescente livello di sofisticazione, i gestori di flotte utilizzano la telematica per aumentare l’efficienza della flotta, rispettare le normative stradali e monitorare il comportamento del conducente, sfruttando la potenza dei portali di cloud computing e internet per migliorare i servizi che offrono.

General Motor pioniere delle auto interconnesse

General Motors ha annunciato che introdurrà entro due anni la sua prima auto in grado di comunicare con gli altri veicoli per evitare incidenti e ridurre la congestione del traffico, ha detto l’amministratore delegato Mary Barra.

Nello stesso lasso di tempo, anche GM introdurrà la tecnologia più avanzata che permette “mani libere in auto”, ovvero la guida assistita del veicolo.

“Sono convinta che i clienti adotteranno entusiasticamente le tecnologie di automatizzazione della guida per un semplice motivo: sono la risposta ai problemi quotidiani che la gente vuole risolvere”, ha detto in un testo di un discorso tenuto ad una conferenza negli USA.

Costruttori di Auto, accademici e agenzie governative a livello mondiale stanno lavorando per sviluppare telecamere, sensori, radar e altre tecnologie che consentono a veicoli e infrastrutture come semafori di comunicare ed avvisare l’altro circa le condizioni di guida nelle vicinanze.

L’industria automobilistica sta lanciando caratteristiche come il cruise control adattivo e la frenata per crash imminente semi-automatica per rendere le strade più sicure.

Tuttavia, GM e altre case automobilistiche hanno sottolineato che, anche con le mani libere dalla guida, i conducenti saranno responsabili e la necessità di mantenere l’attenzione sulla strada resterà.

Il Dipartimento dei Trasporti statunitense ha definito lo sviluppo di tecnologie automobilistiche legate alla interconnessione dei veicoli una priorità, una visione condivisa in Giappone e in Europa. Quando le macchine potranno anche parlare con le infrastrutture circostanti i guadagni saranno esponenziale, ha detto Barra.

Tuttavia, ha precisato che la commercializzazione di un veicolo completamente automatizzato potrà richiedere un decennio.

Il traffico congestionato provoca ogni anno 5,5 miliardi di ore di viaggio in più e costringe gli automobilisti ad acquistare un extra di 2,9 miliardi di litri di carburante ogni anno.

Nel 2016, General Motor venderà un modello dotato di tecnologia vehicle-to-vehicle. Tuttavia, la vettura potrà comunicare solo con veicoli attrezzati della stessa tecnologia proprietaria GM e ci vorrà tempo perché l’industria introduca una tecnologia comune, hanno affermato alcuni dirigenti GM.

Hanno aggiunto che le autorità di regolamentazione devono ancora mettere a punto i requisiti per queste tecnologie informatiche e le protezioni di sicurezza devono essere sviluppate.

GM Cyclone 1959GM è stata un pioniere di questi sistemi di sicurezza già nel 1956, quando un prototipo di Pontiac Firebird II includeva un sistema di comunicazione con un filo elettrico incorporato nella strada che guidava la macchina. Tre anni dopo, la concept car Cadillac Cyclone vantava un sistema di pilota automatico che guidava l’auto attraverso un radar a coni posizionato sui paraurti dell’auto in grado di prevenire una collisione e frenare automaticamente.

Partecipa alla discussione

{{newComment.error.msg}}

Commenti

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo ed esprimere il tuo parere!