Viaggia sicuro
Proteggi il valore
del tuo acquisto.
Inclusa nel prezzo
la garanzia
da danni accidentali
su migliaia di prodotti.
Solo da noi
Garanzia
24 mesi di protezione
da danni accidentali,
riparazione
o sostituzione

in caso di
foratura o danno.
Scopri di più
Torna ad elenco articoli del blog

Gomme auto: perché perdono pressione?

Pubblicato in Pneumatici da , martedì 21 agosto 2018 0

Gommisti e rivenditori di pneumatici per auto consigliano il controllo periodico della pressione delle gomme, aspetto fondamentale per diverse ragioni; in caso di perdita di pressione, infatti, diminuisce la sicurezza alla guida – in particolare la tenuta di strada e l’aderenza delle coperture – aumentano i consumi di carburante e si va incontro ad una maggior usura del battistrada, che inoltre risulterà più esposto al rischio di forature e danneggiamenti. Quali sono, nello specifico, le cause che portano i pneumatici a perdere la corretta pressione di gonfiaggio?

Cause della perdita di pressione nei pneumatici

A provocare la perdita di pressione di una gomma possono essere diverse ragioni, ecco quali:

  • valvola difettosa o che si danneggia e dunque causa una fuoriuscita dell’aria presente all’interno del pneumatico
  • errato posizionamento della valvola sul foro presente nel cerchio
  • piccoli tagli o fori nella gomma che generano una lenta perdita di pressione, fenomeno diverso dalla foratura che solitamente porta ad uno sgonfiamento rapido
  • basse temperature: sì, in inverno la perdita di pressione è più frequente e per ovviare a questo problema la pressione di gonfiaggio deve essere lievemente superiore
  • penetrazione dell’aria tramite i componenti che costituiscono il pneumatico
  • danni di vario tipo al cerchio, come ad esempio spaccature, graffi o formazione di ruggine
  • strato interno del pneumatico che perde tenuta favorendo in tal modo la fuoriuscita di aria
  • eventuali danneggiamenti al “tallone” della gomma avvenuti nelle fasi di montaggio/smontaggio sul cerchio
  • residui di sporco o corpi estranei presenti fra il tallone della copertura e il cerchio

Tutti questi elementi potrebbero portare a non avere una pressione ottimale dei pneumatici, perciò i controlli devono essere periodici, all’incirca una volta al mese. Qual è la pressione corretta di gonfiaggio? Il valore cambia in base al modello di vettura e per conoscere a quante atmosfere si devono gonfiare i pneumatici della propria auto si può controllare sul libretto di circolazione oppure sul lato interno del tappo del serbatoio. Un aiuto agli automobilisti arriva dalla tecnologia: a partire da novembre 2014, infatti, tutte le vetture vendute all’interno dei confini dell’Unione Europea devono essere dotate del sistema TPMS, vale a dire dei sensori che rilevano in maniera automatica la pressione delle gomme. In virtù di tale sistema, sono richieste attrezzature specifiche per provvedere allo smontaggio e al montaggio dei pneumatici stagionali, per evitare danneggiamenti e garantire il corretto funzionamento del dispositivo. Attraverso questi sensori l’automobilista viene informato se la pressione delle gomme è corretta e se è necessario intervenire in caso di sgonfiamento. Il sistema TPMS può essere di due tipi, diretto – offre informazioni sulla pressione in tempo reale ed è montato sui veicoli di gamma alta – e indiretto, a bordo invece delle auto appartenenti a classi inferiori. In questo modo il controllo e le informazioni relative alla pressione di gonfiaggio sono più accurati e l’automobilista non deve verificare manualmente il livello di pressione delle proprie gomme. Per tutte le auto vendute prima di novembre del 2014, il controllo è manuale e può venire svolto dal proprietario dell’auto oppure essere affidato al gommista di fiducia.

Partecipa alla discussione

{{newComment.error.msg}}

Commenti

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo ed esprimere il tuo parere!