Viaggia sicuro
Proteggi il valore
del tuo acquisto.
Inclusa nel prezzo
la garanzia
da danni accidentali
su migliaia di prodotti.
Solo da noi
Garanzia
24 mesi di protezione
da danni accidentali,
riparazione
o sostituzione

in caso di
foratura o danno.
Scopri di più
Torna ad elenco articoli del blog

Attenzione alla truffa del “pongo”

Pubblicato in Notizie da , sabato 28 marzo 2015 0

Molti automobilisti ci sono già cascati, e molti altri probabilmente ci cascheranno.

Fioccano le segnalazioni di quella che è stata soprannominata la “truffa del pongo”, soprattutto dalle principali città Milano, Roma, Napoli.

Non che sia una assoluta novità, i truffatori agiscono da anni nello stesso modo, ma ci sono dei nuovi dettagli.

E’ stata già definita la “truffa del pongo” ed è l’ultimo imbroglio che prende di mira gli automobilisti italiani. Un trucco semplice e redditizio per i malviventi.

State guidando la vostra auto normalmente ed accennate un sorpasso. Superata la vettura davanti a voi percepite un colpo secco, come se una pietra avesse colpito la fiancata della vostra auto. L’auto dietro di voi, che avete appena superato, accende le quattro frecce e vi lampeggia con i fari per attirare la vostra attenzione ed accosta. Accostate anche voi, per verificare eventuali danni, e la truffa è scattata proprio in quel momento.

I furfanti si avvicinano spiegando che in durante il sorpasso la portiera dell’auto si è aperta e ha urtato la loro auto, danneggiandola (qui la versione a volte cambia, ma la sostanza è che senza che ve ne siate accorti avete urtato la loro auto). Effettivamente, verificando visivamente, identificate sulla vostra auto una striscia bianca di una cinquantina di centimetri.

Sembra proprio la classica “strisciate” ma in realtà una banalissima pallina di pongo è stata scagliata contro la fiancata della vostra auto. Ovviamente, la truffa continua con gli occupati dell’altra auto che richiedono di constatare amichevolmente oppure propongono un accomodamento “amichevole” senza passare per l’assicurazione.

Questo tipo di truffa sembra sempre più diffusa e nelle ultime settimane sono state molte le segnalazioni in tutta Italia: prestate attenzione e pretendete di chiamare le forze dell’ordine.

Partecipa alla discussione

{{newComment.error.msg}}

Commenti

Non ci sono ancora commenti, puoi essere il primo ed esprimere il tuo parere!